»~нαяяу ρσттєя fαи fσяυм~«
Benvenuti nel WingardiumLeviosa Forum! ci sono molte novità, e pieno di altri contenuti! se anche tu ami la fantastica saga di Harry Potter...iscriviti!^^

»~нαяяу ρσттєя fαи fσяυм~«


 
IndicePortaleCalendarioGalleriaFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Lupin at the first

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Tonks
Auror
Auror
avatar

Femminile Messaggi : 204
Compleanno : 27.04.94
Data d'iscrizione : 23.09.09
Età : 23
Località : Roma
Occupazione/Hobby : leggere

Foglio di personaggio
Foglio di Personaggio:

MessaggioTitolo: Lupin at the first   Mer Gen 06, 2010 9:41 pm

era una fredda mattina d'inverno, io ero di servizio al ministero, era incredibile quanto mi sembrsse enorme quel posto...nemmeno a dirlo mi persi e per di più non mi ricordavo nemmeno cosa stessi cercando era un qualcosa con un sacco di m o g... girai distratta l'angolo e scontrai qualcuno: caddi all'indietro.
che botta! "mi scusi" dissi senza sollevare lo sguardo da terra "io non volevo è che non riesco a trovare..." in quel preciso istante incrociai i suoi occhi: azzurri come mai avevo visto, un ciuffo di capelli biondo oro mi incantò "...un ufficio" continuai
"oh...non ti preoccupare dopotutto non ci siamo fatti male no?" rispose cordiale, porgendomi una mano per alzarmi
"ah...eh già" la presi e lui mi tirò su
"dunque...mi hai detto che tu cercavi un ufficio? quale?"
"ehm..non ricordo poteva essere pieno di g o m, ma forse era il nome del proprietario della stanza"
"idee chiare! bhe forse troviamo qualcuno che ti conosce...come ti chiami?"
"oh io sono Tonks..."
"solo Tonks?"
"odio il mio nome, mia madre mi ha ammollato Ninfadora e....blea, madre degenere, comunque tu sei..?"
"Jhon Remus Lupin, per serlirla" fece un accenno a un inchino
risi
"Tonks"
"oh grazie al cielo prof. Moody, non è che ricordi dove dovevo andare?"
"nell'ufficio del ministro non mi dire che non te lo ricordavi!"
"ehm..."
"oh no certo che se lo ricordava" disse Remus "si era solo persa ora ce l'accompagno io Alastor"
"ok sbrigatevi"
ci allontanammo da Moody " non doveva" sussurrai rossa fuoco
"ok siamo arrivati, è qui...se vuoi..." si interruppe per un attimo "se vuoi ti aspetto...dovessi riperderti..."
"MAGARI" non mi contenni
"ok" rise "allora a dopo"
ho rimosso completamente cosa mi disse il ministro e per quale motivo fossi lì...anche in quello stesso momento non è che prestai molta attenzione alle sue parole i miei pensieri erano da tutt'altra parte. Erano ai laghi azzurro intenso e alla foresta oro.
Quell'uomo così misterioso mi attirava con forza inequiparabile; non sapevo il perchè ne tantomeno mi interessava scoprirlo, al contrario però volevo sapere tutto di lui come se fosse il mio unico interesse.
quando uscì lui era ancora lì appoggiato alla finestra a giocare con qualche pezzo di carta, mi venne da ridere...
"sono così buffo?"
"sì"
"ah bene, apprezzo la tua sincerità...dove abiti?"
"non lontano da qui"
"ti accompagno"
"non si preoccupi, non occorre"
"oh su..smettila di darmi del lei mi fai sentire ancora più vecchio di quello che sono, da oggi per te sono semplicemente Remus"
"ok come vuol...come vuoi"
"allora fai strada" esclamò
lo guidai parlammo di tutto e di più quella sera, ci conoscemmo, dopo non molto che parlavamo lui se ne uscì così: "se tu sapessi cosa sono non i legheresti così tanto a me"
"non penso che sarebbe come dici"
"oh si che lo sarebbe fidati"
"perchè cosa sei?"
"non ti pare strano che un uomo normale abbia tutte queste cicatrici in faccia?"
"un po"
"io sono un mannaro"
"e quindi?"
"come e quindi?"
"beh non cambierà nulla"
"credi?"
"cosa dovrebbe cambiare?"
"potrei farti del male, non volendolo"
"non lo faresti"gli presi la mano "non sei il tipo"
"hai studiato i lupi mannari a scuola?"
"si, so che non riconoscerebbero nemmeno il loro migliore amico, ma tu...non sei come loro, mi rifiuto di crederlo... e anche se mi aggredissi e io diventassi come te....non mi importerebbe, se alla peggio mi uccidessi non importerebbe"
"non sai il valore della vita?" avanzava ad occhi bassi
mi fermai "sì lo conosco, ma so che la vita deve essere vissuta qualunque cosa tu sia o abbia!"
mi guardò, in pochi secondi fui persa nei suoi occhi, lui allontanò lo sguardo e strinse la mano "andiamo avanti"
parlammo ancora come se quell'inciso non ci fosse mai stato, come se nulla fosse cambiato, come se il tempo fosse un optional, come se noi fossero le uniche due persone veramente importanti sulla faccia della terra.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Jess Wolf
Admin
avatar

Femminile Messaggi : 511
Compleanno : 21.02.96
Data d'iscrizione : 29.06.09
Età : 21
Località : ravenna
Occupazione/Hobby : scrivere leggere...harry potter!!XD
Umore : felice!

Foglio di personaggio
Foglio di Personaggio:

MessaggioTitolo: Re: Lupin at the first   Gio Gen 07, 2010 6:07 pm

Tonks...
Tonks..
TOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOONKS!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
I love you I love you I love you I love you I love you I love you
è stupendissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!
un incontro veramente unico!! Razz
davvero stupendo...mi raccomando...continualaa!!!^^
mi hai fatto venire un'idea su una storia O__o xD

___FIRMA______________


La persona il cui nome sarà scritto su questo quaderno morirà.
Perchè il quaderno sortisca l'effetto desiderato, occorre avere in mente il volto della persona di cui si scrive il nome. In tal modo, si evita di colpire eventuali omonimi.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.harryandraco.forumfree.net  oppure  www.dramioneforli
Tonks
Auror
Auror
avatar

Femminile Messaggi : 204
Compleanno : 27.04.94
Data d'iscrizione : 23.09.09
Età : 23
Località : Roma
Occupazione/Hobby : leggere

Foglio di personaggio
Foglio di Personaggio:

MessaggioTitolo: Re: Lupin at the first   Gio Gen 07, 2010 8:21 pm

Arrivammo dopo molto tempo e dopo molti giri dell'isolato a casa "bene" dissi "io abito qui"
"oh..."
"ehm...senti Remus, se ti va potremmo rivederci uno di questi giorni..."
"sì...certo ti faccio sapere"
"ok allora...ciao"
"ciao"
entrai dentro casa con aria sognante
"ninfadora che ti prende?"
"ah...che? ah nono nulla mamy"
"mamy? ma che ti prende?"
entrai nella stanza ignorandola completamente "oh mamma....mi sono innamorata di Jhon Remus Lupin? mi sono innamorata di lui? oh non può essere! come può essere? TE LO SPIEGO IO COME PUò ESSERE" urlai
"sai cara non credi che Dora sia strana?"
"si da quando è rientrata è fin troppo solare"
continuai come se non fosse successo nulla "lui è talmente dolce, bello e sex....oh cacchio ma che vado a pensare? speriamo mi chiami presto io già non ce la faccio più"
passarono giorni, mesi, ma di lui nemmeno l'ombra; rimase come un vago ricordo dei miei pensieri, per un attimo credetti che la mia mente avesse in un momento di debolezza inventato quell'uomo....
fu una mattina durante quale io andai a Hogwarts quando lo rividi. di spalle parlava con un ragazzo non troppo alto, snello con occhiali e capelli neri, accompagnato da un altro ragazzo con i capelli rosso acceso più alto di lui e da una ragazza con capelli castano dorati.
quando si girò e mi vide si diresse verso i sotterranei. lo seguii. "remus!" lo chiamai "REMUS!" non rispose evidentemente mi stava evitando, ma non volevo sentir ragioni.
girò un angolo e sparì...
andai nei pressi del platano picchiatore, il sole era alto in cielo, mi sedetti su una radice di un albero uscita dal terreno "come potevo pretendere di piacere a lui, insomma è perfetto e io...sono un camaleonte, caspita! non mi sono mai lamentata della mia condizione, ma quanto darei pur di essere un lupo mannaro come lui, non mi rifiuterebbe così, e poi abbi al meno il coraggio di dirmelo in faccia" qualche lacrima incrinò il mio viso.
"Tonks" una voce profonda dietro di me: Remus "pensavo che tenendomi lontano da te avrei risolto tutto e invece...ogni giorno che passa mi sento sempre più un verme...avrei voluto chiamarti, ma....non ce l'ho fatta sempre mi ripetevo: vuoi farle male? o sei troppo vecchio per lei...ma la realtà è che non riesco a starti lontano!" passò davanti a me e si chinò per vedere il mio volto "non piangere per uno spregevole vecchio lupo mannaro"
"io non ti considero uno spregevole lupo mannaro...tu....sei molto di più anche se tu non lo vuoi ammettere" una lacrima finì sulla mia bocca, la mano che lui aveva appoggiato al mio viso si spostò per asciugarla. Lui guardò i miei occhi rossi e un po gonfi io mi persi dentro i suoi....stavolta nessuno dei due si scansò, stavolta nessuno dei due distolse lo sguardo, stavolta nessuno dei due fuggì dall'altra
staccai di poco il mio volto dal suo "Remus io....penso di amarti"
"io ti amo, e anche se sarà una storia impossibile..." non lo feci finire, le mie labbra si unirono alle sue nemmeno attirate da un calamita
"non sarà impossibile, non per noi"
"ehm...Professor Lupin?"
mi girai di scatto tre alunni di grifondoro ci guardavano a bocca aperta, gli stessi di prima
"oh Harry, Ron, Hermione....lei è Ninfadora Tonks"
mi alzai "Remus! solo Tonks"
"odia il suo nome"
"non è colpa mia se ho una madre degenere"
sorrise, misi la mia mano nella sua
"comunque che volete?"
"sa volevo sapere se sa la parola d'ordine dell...dell'ufficio di Silente...sa l'ha cambiata"
"oh di solito è sorbetto al limone sicuro di aver pronunciato bene?"
"oh ora...ora, coff coff, ora riprovo"
notai che il ragazzo alto con i capelli rossi di nome Ron diceva a remus con il labiale "grande Prof. che colpaccio" fecero dierto front e se ne andarono
"scusali"
"fatto"
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Jess Wolf
Admin
avatar

Femminile Messaggi : 511
Compleanno : 21.02.96
Data d'iscrizione : 29.06.09
Età : 21
Località : ravenna
Occupazione/Hobby : scrivere leggere...harry potter!!XD
Umore : felice!

Foglio di personaggio
Foglio di Personaggio:

MessaggioTitolo: Re: Lupin at the first   Gio Gen 07, 2010 8:48 pm

Tonks ha scritto:

"ehm...Professor Lupin?"
mi girai di scatto tre alunni di grifondoro ci guardavano a bocca aperta, gli stessi di prima
"oh Harry, Ron, Hermione....lei è Ninfadora Tonks"
mi alzai "Remus! solo Tonks"
"odia il suo nome"
"non è colpa mia se ho una madre degenere"
sorrise, misi la mia mano nella sua
"comunque che volete?"
"sa volevo sapere se sa la parola d'ordine dell...dell'ufficio di Silente...sa l'ha cambiata"
"oh di solito è sorbetto al limone sicuro di aver pronunciato bene?"
"oh ora...ora, coff coff, ora riprovo"
notai che il ragazzo alto con i capelli rossi di nome Ron diceva a remus con il labiale "grande Prof. che colpaccio" fecero dierto front e se ne andarono
"scusali"
"fatto"

waaaa!!*-*
sta parte fa troppo rideree!!
coff coff ora riprovooo!! hahaa
ti prego...continualaa!!!

___FIRMA______________


La persona il cui nome sarà scritto su questo quaderno morirà.
Perchè il quaderno sortisca l'effetto desiderato, occorre avere in mente il volto della persona di cui si scrive il nome. In tal modo, si evita di colpire eventuali omonimi.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.harryandraco.forumfree.net  oppure  www.dramioneforli
Tonks
Auror
Auror
avatar

Femminile Messaggi : 204
Compleanno : 27.04.94
Data d'iscrizione : 23.09.09
Età : 23
Località : Roma
Occupazione/Hobby : leggere

Foglio di personaggio
Foglio di Personaggio:

MessaggioTitolo: Re: Lupin at the first   Ven Gen 08, 2010 5:41 pm

restai con lui per un po lo seguii in hogwarts, da quando l'avevo conosciuto non faceva altro che farmi da guida. La cosa più strana era che io mi stavo seriamente innamorando di lui, passarono giorni, settimane, noi eravamo sempre insieme, cercavo di calcolare tutte le lune in modo di avvertire Remus e per suo volere di stare lontano da lui in quelle sere.
Quando i miei si accorsero che le cose andavano anche troppo bene in famiglia capirono che era successo qualcosa. grazie a Remus i motivi per andare a Hogwarts si moltiplicarono, cercai in tutti i modi di farmi trasferire lì stabilmente come auror di sorveglianza, dissero che era possibile, ma dovevo sostenere degli esami. Mi misi a studiare duramente tra un uscita con Remus e il lavoro, chiaramente Remus non doveva sapere nulla di tutto questo, non fui molto brava a nasconderlo, ma ci riuscii.
nei giorni precedenti all'esame non uscii di casa, 3 giorni di ferie dal lavoro e 3 giorni di disintossicazione da Remus, solo 3 giorni: troppo pochi per studiare tutta quella roba.
La disintossicazione da Remus non ebbe buon fine, mi chiamava ogni mezz'ora rendendomi impossibile studiare, ma sopportai pur di non fargli scoprire nulla.
Il giorno d'esame arrivò inesorabilmente e io non mi sentivo pronta, non certo perchè non lo fossi, ma perchè ero in un ansia terribile. L'aula era piena di auror, Hogwarts era una meta ambita.
2 ore. 2 ore di esame scritto, di inferno e il giorno dopo mi aspettavano gli orali. Uscita dall'aula mi diressi a casa, ora era la finale, cellulare spento "mi dispiace Remus ma devo studiare". Passai il resto della mattinata, il pomeriggio e parte della sera sui libri di incantesimi e cose simili.
La notte passò sognando l'esame e ogni volta che mi svegliavo mi ponevo una domanda, se rispondevo bene, potevo riaddormentermi.
La mattina arrivò in un soffio di Eolo, l'aula degli orali era angusta e un po piccola rispetto a quella degli scritti, i "professori" tutti ex-auror erano dietro una fila di banchi allineati, ci chiamarono per nome uno per uno. Non appena toccò a me il mio stomaco si contrasse e i muscoli si irrigidirono. Mi alzai e mi recai alla "sedia elettrica".
Alla fine pensai che non era andata poi così male, forse mi avrebbero preso. Riaccesi il telefono: 26 chiamate perse; tutte di Remus.
Lo chiamai
"pronto?" mi era mancata la sua voce
"Remus"
"Dora! dove eri finita sono stato in un ansia terribile"
"scusami ho avuto da fare"
"cosa?"
"oh insomma Rem mica ti vorrai impiccare di tutto?"
"sì!"
"comunque" cercai di cambiare discorso "come stai?"
"tutto bene tu?"
"bene dove sei?"
"a Hogwarts"
"ti raggiungo ok?"
"no, meglio se lasci stare qui oggi è un macello"
"va bene ci sentiamo stasera ok?"
"non ci possiamo ancora vedere?"
"Remus...te l'ho detto mia madre si è incavolata perchè sono stata troppo fuori sono gli svantaggi di chi abita con i genitori"
"ok a stasera"
"a stasera"
chiusi, stavo dicendo una marea di bugie in quegli giorni nonostante fosse controogni mia intenzione, feci rotta verso casa. "Chissà come saranno andati gli esami?" mi chiesi. La risposta venne la sera stessa con un gufo. ero in salone quando aprii la lettera "MI HANNO PRESO!"
"che succede piaccola?" chiese mio padre
"MI HANNO PRESO! MI HANO PRESO!"
"oh grande Tonks!"
"DOMATTINA COMINCERò IL MIO LAVORO A HOGWARTS! NON CI CREDO! IMPOSSIBILE"
"ok,ok, ora calmati!"
calmarmi? era impossibile quella notte non dormii.
Non esitai un secondo quando la sveglia suonò mi precipiatai a Hogwarts. Chiasi informazioni su dove fosse il "professor. Remus J. Lupin" a quei 3 ragazzi
"non l'abbiamo visto stamattina, ha avuto lezione con noi...stamattina stava con i corvonero del primo"
"oh ok! sapete dove è la sua aula?"
"secondo piano"
"grazie" aspettai che la lezione finì poi lo chiamai al cellulare, pur essendo fuori dalla stanza
"pronto?"
"ti deciderai prima o poi a segnarti il mio numero?"
"Dora ciao"
"come stai?"
"tutto bene tu?"
"benissimo, sai- dissi sbirciando dentro l'aula- oggi sei particolarmente attraente"
"e tu che ne sai?"
"bhe prova a uscire dalla stanza!"
si affacciò nel corridoio e mi vide. il cellulare cadde a terra; mi baciò lì nel corridio.
"professore ma non si vergogna a fare queste cose qui in corridoio?" lo ripresi ironica
"ma che ci fai qui?"
"si da il caso...che io ci lavori"
"cosa?"
"nei giorni scorsi ho fatto gli esami e mi hanno presa"
"e non mi hai detto nulla?"
"è stata una bella sorpresa no?"
"bellissima" le nostre labbra si toccarono mentre ridevamo
"ehm...professore...?"
"no,no,no- pensai- ancora loro" Remus si staccò da me, ma non si girò
"cosa volete stavolta?"
"nulla è che....abbiamo lezione"
"sbaglio o avevate detto di non avere lezione con lui?" chiesi io
"abbiamo detto che non l'avevamo avuta"
"ci vediamo dopo ok?" domandò Remus
"ok" sbuffai, sentii una mano pogiarmisi sulla spalla: Hermione
"scusaci vi stiamo sempre tra i piedi!"
"oh...ehm...nullanulla" sarà ma io mi trovavo in uno strano imbarazzo
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Jess Wolf
Admin
avatar

Femminile Messaggi : 511
Compleanno : 21.02.96
Data d'iscrizione : 29.06.09
Età : 21
Località : ravenna
Occupazione/Hobby : scrivere leggere...harry potter!!XD
Umore : felice!

Foglio di personaggio
Foglio di Personaggio:

MessaggioTitolo: Re: Lupin at the first   Ven Gen 08, 2010 8:38 pm

muaaaaAAHAHAHAAUUUaaaahhh!!
vi interrompiamoo sempreee!!! hahaha
comunque splendida davvero, è troppo bella!!
continuala mi raccomando!!!!

___FIRMA______________


La persona il cui nome sarà scritto su questo quaderno morirà.
Perchè il quaderno sortisca l'effetto desiderato, occorre avere in mente il volto della persona di cui si scrive il nome. In tal modo, si evita di colpire eventuali omonimi.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.harryandraco.forumfree.net  oppure  www.dramioneforli
Tonks
Auror
Auror
avatar

Femminile Messaggi : 204
Compleanno : 27.04.94
Data d'iscrizione : 23.09.09
Età : 23
Località : Roma
Occupazione/Hobby : leggere

Foglio di personaggio
Foglio di Personaggio:

MessaggioTitolo: Re: Lupin at the first   Sab Gen 09, 2010 6:06 pm

Girovagai senza una meta precisa per Hogwarts, Remus era a lezione e quindi non ci potevamo vedere , la cosa mi scocciava un bel po, ma speravo fino all’ultimo che lui finisse di insegnare presto: quello per lui era un lavoro momentaneo e dopo sarebbe tornato solo auror di controllo lì a Hogwarts. Volevo passare tempo con lui in modo straordinariamente unico solo io e lui, senza studenti tra i piedi e senza interruzioni. Fatto sta che i mesi passarono e, tra me e Remus, le cose non facevano che migliorare, era incredibile, non avevo mai avuto un rapporto così saldo e …. no, io non avevo mai avuto un rapporto, punto. Remus smise finalmente, con mia immensa gioia, di insegnare. Avevamo il turno insieme, penso che gli studenti sospettarono molto sull’ “ex professore di arti oscure e la ragazza auror”, ma non ho mai badato molto ai pettegolezzi e Remus nemmeno.
Il preside della scuola, il più esimie mago di tutti i tempi, il professor Albus Silente era molto comprensivo e simpatico se visto da un certo punto di vista. Certo non era certo affascinante, avrà avuto una centina di anni più o meno e a me non interessava proprio.
Ci trovavamo in sala grande per il servizio di guardia, dovevamo fare tutto il giro di hogwarts più volte al giorno , ma essendo in due il tempo passava molto più velocemente.
Un giorno normale come tutti apparentemente divenne più bello di quanto potessi immaginare: Remus mi portò vicino al platano picchiatore, lì dove c’eravamo baciati la prima volta, provai a chiedere il perché, ma la risposta fu sempre e solo una “aspetta!”.
Mi fece sedere sulla stessa radice di mesi, si era un po alzata, poi disse: “Dora…io…non ce la posso fare…oh, ma devo farcela… ok! Dora vuoi venire a vivere con me?”
“cosa?”
“si lo so non è molto che stiamo insieme, ma … penso … di essere un grande egoista e di volerti con me … anche quelle poche ore che non ci vediamo”
Non era un gran che come dichiarazione, ma in quel momento poteva dire tutto ciò che voleva ioero completamente incantata dalle sue parole, non importava se sbagliava o se si impappinava.
Scossi la testa in segno di no e esclamai “sì”
“chi devo ascoltare? La voce o la testa?”
“la voce!”
“che ti sei messa a scuotere la testa in segno di no! Io che ne so!”
“quindi devo fare le valigie e venire da te? Come si fa?”
“beh a fare le valigie ci pensa la bacchetta, c’è bisogno solo che tu ti prepari emotivamente e spiritualmente al macello della mia casa”
“correggiti! Da oggi non è più solo tua!”
“ah già vero, sarà difficile abituarmici!”
La tensione dei muscoli era micidiale, l’acido lattico li faceva bruciare come dannati, lo stomaco era in subbuglio, l’intestino un nodo impossibile.
“ora rimane un unico problema… dirlo ai miei…”
“voglio dirglielo io!”
“sei matto? Mio padre, minimo, minimo ti uccide”
“correrò il rischio”
“ci tieni così tanto?”
“oh a te moltissimo”
“toglimi una curiosità: da quanto sei diventato pazzo?”
“beh qualche mese”
“ma che spiritoso, vuoi per caso insinuare che sei pazzo da quando stai con me?”
“esatto, mia, dolce, cara Ninfadora Tonks” cingendomi i fianchi e facendomi andare all’indietro
“Remus?!” una voce maschile e profonda
“ ARTHUR!” esclamò lui mollando la presa, caddi all’indietro “oddio! Scusami”
“nulla fai pure” gli dissi massaggiandomi la schiena e rianzandomi
“Dora lui è Arthur Weasley il padre di Ron!”
“oh piacere” mi porse la mano
La strinsi “pacere mio! Tale padre tale figlio!”
“come?” chiese
“oh no scusala è una lunga storia, in ogni modo che ci fai qui?”
“cercavo proprio te!”
“me?”
“sì, i dissennatori sono alle porte di hogwarts e la barriera difensiva non può resistere a lungo”
“che dovrei fare?”
“una seconda barriera più resistente!”
“mi stai chiedendo una cosa impossibile”
“no!” intervenni “non è impossibile si può fare, la barriera fatta da te si limita a respingere il dissennatore, ma non a rispedirlo da dove è venuto conosco un modo per fare come dice questo signore, ma avrò bisogno dell’aiuto di un mago molto forte”
“non ti basto?”
“oh beh non pensavo volessi aiutarmi!” scherzai
“ma che spiritosa Dora”
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Tonks
Auror
Auror
avatar

Femminile Messaggi : 204
Compleanno : 27.04.94
Data d'iscrizione : 23.09.09
Età : 23
Località : Roma
Occupazione/Hobby : leggere

Foglio di personaggio
Foglio di Personaggio:

MessaggioTitolo: Re: Lupin at the first   Dom Gen 10, 2010 9:16 pm

Quella stessa sera ci mettemmo all’opera per fare una barriera più resistente e efficace. I tentativi furono infiniti e a volte finivamo col distrarci e quindi il tempo passava senza essere utile a ciò che facevamo.
Finimmo tardi sarà stata mezza notte, odio finire tardi, i miei non sopportano quando rientro tardi
“Dora” disse Remus mentre uscivamo da Hogwarts “ti va di passare la notte da me?”
Mi fermai, per un attimo credetti di aver sentito male “come?”
“mi chiedevo se ti andava di venire a dormire da me”
Sorrisi “sai che vorrei, ma i miei …”
“penseranno che sei già rientrata data l’ora e poi domani ti riaccompagnerò io, se se la vorranno prendere con qualcuno ne avranno l’opportunità”
“ma …”
“ti prego Dora, insomma fallire nell’invitare una ragazza a dormire a casa sua è deprimente …”
“ok – mi arresi schioccandogli un bacio sulla guancia- verrò da te a dormire”
“madame” disse galante porgendomi il braccio
“con immenso piacere” glielo presi e ci materializzammo davanti alla porta di casa. Non era nuova, ma manteneva un aspetto innovativo; molto curata nell’insieme
“non ti spaventare per il disordine”
“oh non ti preoccupare, peggio di me non puoi essere”
Aprì la porta e accese la luce: la casa era in un ordine maniacale.
“Remus e questo tu lo chiami disordine?”
“di solito è meglio”
“ok allora la mia stanza è il caos più assoluto”
“ perfetto … - sussurrò – di sopra c’è la camera da letto e il bagno, poi di la c’è la cucina, lo sgabuzzino e il salone”
“ok se permetti vado di sopra ho un tantino sonno” mi diressi al piano di sopra e entrai nel bagno, feci apparire uno spazzolino e mi lavai i denti. Molto presto mi accorsi che mi mancava il pigiama. mi stavo lavando il viso quando sentii la porta aprirsi: Remus
“AAAH! SCUSAMISCUSAMISCUSAMISCUSAMI” urlò girandosi dall’altra parte
Mi guardai: ero in pantaloni e reggiseno … effettivamente Remus aveva ragione a sentirsi imbarazzato, cercai di rassicurarlo nonostante fossi abbastanza imbarazzata, andai dietro di lui “Remus, non importa, tanto prima o poi sarebbe successo” ora le guance non erano rosse, nooo di più “ehi girati”
Si girò “scusami, dovevo bussare, e solo che non ci sono abituato”
“fa nulla davvero”
Aveva una faccia buffissima
“comunque ne hai per molto?”
“no è solo che … non ho un pigiama”
“aspetta”
Restai al bagno, in pochi secondi tornò e mi lanciò una maglietta enorme per me
“prendi questa dovrebbe andare bene” sorrise e uscì
Osservai allo specchio il mio viso: era rosso fuoco come mai avevo visto…
Indossai la maglia e mi diressi verso l a camera da letto, nonostante mi infilai sotto le coperte sentivo freddo. Cercai di addormentarmi, ma non ci riuscii. Sentii quando Remus si sdraiò accanto a me, pensando che dormissi.
“Remus…” lo chiamai
“Dora pensavo ti fossi addormentata” era a pancia in su, mi voltai verso di lui
“posso avvicinarmi?”
Deglutì “sì”
Mi accucciai sulla sua spalla lì stavo tremendamente bene “notte Remus”
“notte Dora”
“ti amo”
“anche io” rispose accarezzandomi la schiena. Mi addormentai pochi secondi dopo.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Lupin at the first   

Tornare in alto Andare in basso
 
Lupin at the first
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Tegola dipinta Lupin
» THE MAGICIAN & ARSENIO LUPIN

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
»~нαяяу ρσттєя fαи fσяυм~« :: storie inventate da noi :: fanfiction-
Andare verso: